13/02/13

H-Asteroid: l'esodo spaziale di Glauco Silvestri

Era il settembre del 2012 e il primo episodio del ciclo narrativo H-Asteroid, ad opera di Glauco Silvestri, vedeva la luce. Dopo quell'intrigante assaggio si sono susseguiti altri cinque racconti, sfornati dall'autore in maniera puntuale una volta al mese. Che dire dunque di questa ''serie'' ambientata nelle sinistre e imprevedibili profondità dello spazio?! Che mi piace? Che mi prende? Che voglio vedere dove va a parare?! Troppo poco!

La prime cose che ti catturano di H-Asterioid sono l'ambientazione e quell'alone di ''Madonna che situazione di mmerda che ci siamo beccati!'' che bene o male, colpisce ed invade quasi tutti i personaggi che incontriamo. Sì perché come si scopre nell'antefatto, stiamo assistendo alle vicende di un'umanità in viaggio nel cosmo verso l'ignoto, dato che la nostra amata Terra è stata bersagliata a partire dal 2024 da una serie di particolari asteroidi, che hanno costretto la maggior parte della popolazione alla fuga e un'altra cospicua parte a rintanarsi nelle profondità del suolo.
Senza dubbio l'elemento più interessante di questa serie è il modo in cui l'autore riesce a trattare l'aspetto interiore ed emozionale dei nostri vagabondi spaziali, i quali nonostante lo scorrere degli anni e delle generazioni, mantengono più o meno vivo il ricordo del loro accogliente mondo d'origine e delle ''vecchie'' abitudini che li legavano ad esso. E tutto questo bel popò di roba si riscontra in maniera molto curiosa e azzeccata osservando la variegata tipologia di navi con le loro funzioni e finalità utilizzate nell'improbabile esodo. 

Tutte le vicende presentate nei vari racconti sono brevi ed auto conclusive, e sono situate addirittura in date molto distinti l'una dall'altra, ma pur sempre legate da diversi fili conduttori ben evidenti. L'ordine di lettura (seguendo ovviamente la cronologia delle pubblicazioni) penso sia comunque importante, proprio in virtù di questi ''fili'' che altrimenti non si coglierebbero pienamente. 
Leggendo si verrà trasportati quindi su piani molto personali, sfiorando i temi dell'amore e dell'omosessualità, passando per momenti ricchi di adrenalina e patos, situati in contesti dettagliati che rendono apprezzabili e godibili gli ambienti molto curiosi e intelligenti che costituiscono le diverse componenti della flotta in volo. Vi saranno riflessioni non troppo corpose ma comunque ricche di malinconia e dall'altra parte anche di speranza e forza di volontà, il tutto inserito in una scrittura agile e piacevole che saprà tenervi incollati allo schermo.
Domandina facile facile a bruciapelo che mi faccio non so perché da solo: 
I miei episodi preferiti fin'ora? ''L'ultimo volo'' e ''Easy girl''. Wow! 

Ora, dato che questa è la mia prima ''recensione'' di qualcosa di scritto (credo), la termino qui invitandovi a leggere gli episodi usciti di questo splendido H-Asteroid che almeno per me è diventato un appuntamento mensile fisso davvero gradito! E condividetela pure eh, che quel maronnehhh! d'un google immagini sta facendo un bel guaio coi potenziali visitatori nei blog. O almeno del mio, poco ma sicuro!
Potete trovare tutte le informazioni e le puntate uscite fin'ora, gratis e facilmente scaricabili, nel sito ufficiale di Glauco Silvestri dedicato ad H-Asteroid, che trovate QUI.  
Buona lettura pischelli ;)