11/09/17

Il blog (non) chiude

Se non hai niente da scrivere, allora non scrivere niente.
In linea di massima è questa la strada che ho intrapreso col blog da un paio d'anni a questa parte. Certo non posso negare di averne approfittato un pochino...

L'ultimo post pubblicato risale al 25 luglio. Parlavo di scimmie. Da lì in poi non ho più scritto niente ed è partita una lunga pausa come mai ne avevo fatte. Davvero non avevo niente da scrivere? Forse. O forse mi sono fatto possedere senza troppi problemi dalla pigrizia, e di questo vi chiedo scusa.

Vi chiedo scusa perché come blogger, da sempre, tengo in grandissima considerazione voi lettori e commentatori, e miro costruire una specie di "relazione". Diciamo un'amicizia. Un momento da passare assieme, una porta aperta dentro alla mia testa bacata in cui farvi trascorrere qualche minuto piacevole. L'amicizia però ha bisogno di impegno, almeno un pochino, perché altrimenti tutto rischia di andare in fumo. In un posto come l'internet poi, dove il tempo pare andare cento volte più rapido, basta davvero poco per allontanarsi gli uni dagli altri.

Oggi comunque torno a scrivere qui dentro per dirvi che il blog non chiude, come qualcuno era curioso di sapere. Mi sono concesso una lunga pausa, è vero, ma per vostra gran fortuna (sempre molto modesto io) si ricomincia!
Probabilmente dovrò capire meglio come gestirmi coi tempi, perché ( come sicuramente non saprete, dato che io qua non vi racconto i catzi miei da un secolo) ci sono state alcune nuove novità nuove. Non ve ne frega niente, eh? E io ve le dico lo stesso e facciamo che potete pure prenderle come scuse accettabili per la mia assenza vergognosa.

Dopo l'università sono stato sotto con un bel corso in cui ogni sera, per sei mesi, in quel di Padova imparavo di siti, di grafica, di comunicazione visiva e tutte queste belle cose qui. Nonostante ciò il mio sito è ancora un mezzo cesso. Forte!
Finito il corso, all'incirca verso metà giugno, ho iniziato a sparare curriculum dappertutto perché ho deciso che a 26 anni sarebbe anche il caso di cominciare a fare due soldi (leggetelo con la voce della pubblicità truffa che si apre quando guardate i film arrubbati dall'internet).
Ad ogni modo, dopo alcuni colloqui ho avuto la fortuna di poter scegliere il lavoro che più mi piaceva. Quindi sì, da metà luglio sono ufficialmente un social media coso e possiedo persino un'autovettura tutta mia. Fico no? Questi mestieri da ggiovani...
E poi certo, ho goduto l'estate con una settimana di ferie alle 5 Terre in cui ho speso in cibo tutto quanto guadagnato. Molto bene.

Ma tornando a noi e a me e a voi, ecco... dato che le ore di cazzeggio che avevo prima non le ho più, spero di riuscire a rimettermi in carreggiata e a recuperare questa nostra amicizia che ho un po' abbandonato.
Vi lascio perciò con un piccolo ripasso dei miei vari social che sono
Faccialibro (ci trovate anche i post interessanti di altri blogger),
Instagram (ci trovate le storie di me che torturo Claudia),
Telegram (ci trovate non so bene cosa ma fa rima con Instagram),
Twitter (blu è un colore curioso per un uccello moscio),
G+ (discarica dove va a finire tutto) e
Linkedin (il posto dove la gente #selatira),
e vi do appuntamento ai prossimi giorni, più o meno due volte a settimana, su questo utilissimo blog qui!

Voi comunque come avete passato l'estate?
E come sta andando la vostra vita?
E Game of Thrones l'avete visto che merda si serie è diventata?
E quanto vi piace Despacito?
E Dunkirk siete già andati al cinema a dire wow?
Ma soprattutto, ci siete ancora, lì dall'altro lato dello schermo?
Perché voi siete ancora, vero cervelli?

P.s Ci si vede in settimana con un post sulle bombe atomiche!