01/12/16

Cose che finiscono, cose che iniziano e altre cose

Questa tendenza a utilizzare la parola cosa un po' dappertutto è veramente orripilante, però non riesco più a farne a meno. Venisse a scoprirlo la prof d'italiano delle medie mi riempirebbe il blog di bestemmie in penna rossa da cima a fondo ma io a quel punto le direi Ehi baby, benvenuta nel mio lonfo!
e allora lei Cosa?
e quindi io A-hà! Beccata!

Cazzate a parte oggi volevo scrivervi due parole in tranquillità per aggiornarvi un po' sui cavoli miei e le possibili svolte e/o colpi di scena di questo posto. Sì lo so, vi è partita la palpitazione molesta a tale rivelazione che in realtà ancora non rivela niente, cosa che in effetti sa un po' di vedo/non vedo, vero?

Comunque... iniziamo dalle cose che finiscono, quelle che, come avrete intuito se siete soliti sprecare il vostro tempo seguendomi sui social 
(ehi, li trovate lì a sinistra, iscrivetevi merde!)
riguardano la fine dei miei studi universitari e la laurea. Ebbene: sono libero! 
Libero dagli impicci degli esami, dai treni di Trenitalia, dalle ansie e dai mal di pancia pre appello orale e dai libri fotocopiati e recuperati a prezzi stracciati rincorrendo per il vicentino e il veronese gente che li vende alla metà della metà del prezzo di copertina ma aggiungendoti quegli appuntini strategici che Ehi te li devi piglià perché con questi io ho preso 30 cioè dai, mettici 5 euri in più fratè daje così brav!
Tra l'altro da ste parti mica parlano così ma quando mai dico io, QUANDO MAI qui siamo aderenti alla realtà? Se la risposta non vi viene siete sulla strada giusta. Il concetto comunque è che sono libero. Bastava una riga Cervello, e checcazzo!

Proseguiamo poi con le cose che iniziano. Sì perché dall'alto della mia laurea in scienze delle merendine (così amorevolmente soprannominata dai miei simpatici amicuetti) ho deciso di proseguire per circa un altro annetto facendo un corso di graphic design, che però comprende pure delle belle e tante ore di stage. Quindi si andrà verso la comunicazione visiva, la gestione e creazione di siti webs 
(così capisco come diavolo mettere mano al codice di questo blogspot dellammerda e scusate il francesismo ma voi schiavi di blogspot come me lo sapete cosa intendo!) 
e il fotoritocco con tutta la suite adobe, in modo da poter smaltire la panzetta senza dover per forza fare esercizi. E niente. È bello cervelli. È tutto così bello che quasi mi faccio schifo a sentirmi così contento. 

E infine le altre cose. Diciamo che le altre cose saranno un po' le solite. Almeno per quanto riguarda il blog. Quindi si parlerà di libri, cinema, pensieri, sontuose cagate e magari, ed è quel che spero, vi delizierò con le mirabolanti nuove cose che questo percorso di studi mi insegnerà. Quindi occhio!
Per il resto comunque non c'è altro. Anzi, avevo iniziato a leggere La fata carabina ma i festeggiamenti mi hanno bloccato. Poi ho trovato un bel La scopa del sistema di Foster Wallace e mi sa che mi lancerò verso questo. Ah sì, e ho anche recuperato It, che sta lì a fissarmi dalla libreria e che non saprei con certezza, ma credo che il momento giusto per avvicinarmi a quel mattonazzo stia arrivando.

Insomma tante cose oggi. Spero di non avervi annoiato. 
Ma voi invece che cosa mi raccontate? Dai, su, apriamo la posta del cuore!(?) Ditemi ditemi!