19/08/15

La parola nel pozzo | Un invito a creare e giocare.

Cervelli carissimi, lettori occasionali, curiosi, ficcanaso, fan sfegatati e adoratori... ciao! Come ve la passate? Vi state godendo la bella stagione? Vi siete abbronzati e sbronzati? Avete fatto all'amore?
Ecco, bravi. Beatevi di questi momenti perché l'estate sta finendo, e con lei tutto il meraviglioso bendiddio che state vivendo. Sì, sì, li sento i vaffanculi che mi state tirando, li percepisco tutti, credetemi. Ma levatevi quei medi alzati dalle mani (scena splatter) e ascoltatemi un attimo, perché oggi sono qui per invitarvi...

Lo so che a settembre con l'arrivo del fresco e della solita routine ci si sente vivi come bradipi. Capisco anche che le giornate lunghe, il cielo limpido e le regazze e i regazzi in costume sono preferibili a foglie che cadono, vestiti pesanti, buio, lavoro e scuola. Du palle! Per questo il mio invito a giocare, per questo vi dovete armare proprio ora di carta e penna, o di smartphone e dita (mi spiace per i vostri medi), e appuntarvi le paroline magiche che seguono:
Settembre, weekend da venerdì 18 a domenica 20, bosco, scrittura, creatività, letteratura, divertimento, gioco. In sintesi, La parola nel pozzo.

La parola nel pozzo è un evento tenuto dal blogger, youtuber, docente, divulgatore di filosofia e scrittore Riccardo dal Ferro (sì, e poi, qualcos'altro?!) che prevede tre giorni da passare presso Santa Caterina del Tretto, Schio (VI), in una casa vacanze immersa tra i boschi, in cui la parola d'ordine è creatività. Durante questi giorni ci saranno grossomodo tre momenti distinti:

Il Seminario, in cui Rick introdurrà riflessioni che spazieranno dalla letteratura alla filosofia, passando per cinema, pittura, sport, attualità, sane pippe mentali e supercazzole, e sarà seguito poi da

Il Workshop, dove utilizzeremo gli spunti, i confronti e gli scontri avvenuti durante la fase precedente per armarci di carta e penna e creare con una serie di esercizi singoli o collettivi, sperimentando, provando, brainstormingAndo, facendoci male e ridendo come idioti, giungendo infine a

Il Simposio, che sarà festa, musica, cibo, chiacchiere, casino insieme, camminate nel bosco, giochi notturni!

Perché tengo a La parola nel pozzo e vorrei partecipaste o deste almeno un'occhiata?
Perché quest'anno ho avuto l'occasione di stare a contatto con Riccardo (in questo weekend gli darò una mano) frequentando alcuni dei suoi corsi di scrittura creativa, e mi sono divertito notando la sua passione e soprattutto stupito osservando gli altri. Vedere tante persone tutte così diverse tra loro (soprattutto per età) messe assieme per confrontarsi e scrivere, è stato, e perdonate la parola banale e molto da finto ciofane, fico! Che poi, quanti di voi scrivono, disegnano, coltivano le proprie passioni senza dar loro lo spazio che meritano? Pare quasi non esserci più tempo per certe cose, considerate inutili e stupide per la vita di tutti i giorni. Non è una buona occasione per cambiare qualcosa questa?

La domanda lascio lì. Però pensateci. E l'invito resta. Un weekend diverso, in un posto bellissimo, con gente che non conoscete (a parte me s'intende ehehehehechecazzo e allora non verremo mai!) mettendo alla prova ciò che sapete fare o avreste voglia di provare a fare ma ancora non avete fatto. Tipo questi giochi di parole osceni. Se vi garba, siateci, parlatene e condividete! Però occhio che i posti sono limitati e le iscrizioni terminano i primi di settembre!!!

Tutte le info su costi, come arrivare, cosa portare, quanto essere belli ecc. le trovate di seguito:

Io, Riccardo e Arianna vi aspettiamo!