14/05/15

Vietato far esplodere i distributori col cellulare.

Stavo sfrecciando per la strada col mio bolide, un'inarrestabile rossa aerodinamica elegante ma sportiva Dacia Sandero, quand'ecco che il gpl chiama... s'ha da fare il pieno! Raggiungo il benzinaio di fiducia, quello s'avvicina, gli dico ''Il pieno'' e lui inizia il suo lavoro.
Finché aspetto io che faccio? Prendo il cellulare e mi faccio i cavoli miei. Toc toc. Alzo lo sguardo. E' il benzinaio. 
''Non farti vedere che usi il telefono per favore che è vietato.''
''Cosa?''
''Non si può usare il telefono finché si fa il pieno. E' pericoloso.''
''E... cosa??''
''Guarda, non so che dirti, ma se guardi là c'è il cartello di divieto e io non voglio altri casini. Fosse per me non ci sarebbe problema ma mi hanno invitato più volte a farlo rispettare.''
''Okkei ma... cosa??? Cioè, perché?''
''Perché sennò esplode tutto.''
''Cosa?????''

Esplode tutto.
Esplode. Tutto!
Il cartello col divieto effettivamente parla chiaro. E' vietato utilizzare lo smartphone durante il pieno perché c'è il pericolo che l'interferenza tra onde elettromagnetiche e fumi del gas creino una reazione esplosiva. Boh. Io questa non l'avevo mai sentita. Qui c'è il potenziale per un'arma incredibile. Gente del califfato islamico, aprite le orecchie: vi basta chiamare il numero di un tipo che sta facendo benzina per farlo saltare in aria, sapevatelo! Che poi è strano. Io l'ho sempre usato, voi l'avete sempre usato, il mondo l'ha sempre usato. Non mi pare sia mai saltato per aria nessuno.
Ma in effetti, cercando sull'internet, qualche notizia a riguardo si trova. Ci sono alcuni avvisi diramati dalle compagnie fornitrici di benza, o meglio, avvertimenti, che suppongo esistano giusto per mettere le mani avanti nel caso di pieno col botto, e un paio di testimonianze di parecchi anni fa che raccontano di incidenti avvenuti durante il pieno e che in qualche modo relazionano l'evento all'attività telefonica della povera anima che voleva solo mollare la moglie senza doverla guardare in faccia. Quindi c'è da crederci?

Ho chiesto, nel dubbio, al caro amico Wolowitz, un quasi ingegnere così chiamato perché somiglia tanto a Wolowitz di Big Bang Theory. Se stai leggendo, caro Howard, beh... spero tu non stia leggendo. Comunque sia, dopo una risata, la risposta è stata che questi tizi dicono che le onde causate dalla chiamata potrebbero caricare elettricamente una parte metallica del telefono che a sua volta genererebbe una scintilla che potrebbe incendiare la benza. Eh, sì, e poi? Sticazzi non ce li metti?
Ovviamente lui non crede a ste cose, e io nemmeno, come non credo alle fate, all'olio di palma e a Nadal numero 7 del mondo. E in effetti sostiene sia più rischioso, rispetto al telefono, un accendino, o la stessa macchina che si carica da sola. Vabè, avete capito. Farò gpl senza telefono, senza accendini e senz'auto a sto punto. 

Voi comunque vi siete mai imbattuti in un cartello del genere? Avete mai provato il brivido della multa per aver ignorato una precauzione valida quanto una bufala? 
Io intanto mi immagino lì, a due passi dal distributore mentre mi fanno il pieno, a chiamare il tipo che mi sta in culo, e farlo saltare in aria camminando deciso con l'esplosione sullo sfondo stile Breaking Bad. Che ficata!