05/01/15

Ambienti.

Quando mi metto a scrivere un racconto, o quando ho voglia di scriverlo, e poi ci provo e non salta fuori una ceppa di nulla, parto solitamente da un paio di input: una scena reale o immaginaria, costituita da uno scambio di battute, oppure un ambiente, cioè un paesaggio o un luogo che solo per la propria presenza estetica mi comunica qualcosa.
Non so se capita lo stesso a voi, ma io funziono così. Soffermandoci soltanto sul secondo punto, quello degli ambienti, ecco un breve elenco di quelli che preferisco, e non solo per scriverci su, per immaginarci qualcosa di mio che deve finire per forza di cose nero su bianco, ma piuttosto anche per i singoli pensieri, per le varie seghe mentali che mi faccio quotidianamente, per le emozioni e le sensazioni che l'immagine fa nascere.

Temporale. 
Di sicuro il cielo grigio, l'assenza quasi totale di luce e il borbottio del temporale che sta per scatenarsi è uno degli ambienti che preferisco, tant'è che dell'estate, assurdo a dirsi, amo anche e soprattutto questi momenti. Hai una giornata splendida col sole che spacca e nel giro di una mezz'ora ti ritrovi col cielo nero e l'odore dell'asfalto bollente che inizia a bagnarsi. Magnifico! 

Pioggia sul finestrino.
Mi piace l'immagine di una persona riflessa sul finestrino di un treno, sporco di gocce, con la notte fuori e le luci della città che giocano sul vetro e sull'acqua. 

Strada di montagna.
Asfalto grigio scuro umido ma pulito, e abeti o boschi di un verde bello scuro che abbracciano il percorso. Il cielo s'intravede soltanto, ed è coperto.

Prato e cielo.
Erba folta e scura, prati enormi, e a sfondo un cielo immenso e stellato. In alternativa verde brillante, tipicamente primaverile, e il cielo che tende al tramonto con qualche nuvola che va dall'arancione al rosa.

Alberi.
In tutte le salse. Da quelli ricoperti di fiori primaverili a quelli pieni di chiome rigogliose, arrivando poi all'esplosione di colori tipica dell'autunno e ai rami spogli e scuri, quasi neri, dell'inverno, magari coperti di neve. Ecco, adoro la neve, ma sempre associata alla natura e in particolare agli alberi.

Acqua e cielo.
Di solito meglio il mare calmo e al tramonto, col sole che pare tuffarsi in acqua, o in alternativa anche bello incazzato, con onde alte e schiumose e un cielo grigio piombo. Perfetto anche il gioco di specchi tra acqua (calma, quindi ancora meglio coi laghi) e cielo limpido leggermente annuvolato.

Montagne.
Che siano innevate o no, adoro vederle al tramonto, tanto belle da mettere i brividi.

Riflessi e luci contrastanti.
Mi piacciono gli ambienti che moltiplicano le forme pur mantenendo un certo ordine geometrico. Mi vengono in mente il buio, le superfici riflettenti come specchi e acqua, e la luminosità debole del fuoco o di qualche vecchia lampadina.

Ora giro a voi un paio di domande: avete qualche particolare input che vi scatena pensieri e favorisce il processo di scrittura o creazione? E riguardo gli ambienti, avete qualche debole come succede a me?