27/06/14

Un sorso di vita, il mio racconto finito su un libro.

Il 3 febbraio, un giorno prima del mio compleanno, ho provato a partecipare a un concorso di scrittura su consiglio del mio vicino di casa Riccardo Sartori. Inviato il lavoro il mio racconto breve è stato scelto in un baleno per essere inserito nell'antaologia 365 Racconti d'estate, che raccoglie appunto 365 racconti brevi, uno per ogni giorno dell'anno, e tutti con l'estate come tema comune. Praticamente mi sono fatto un auto regalo di compleanno più che gradito!
La cosa bella è che quest'antologia la potete trovare in libreria, e questo mi gasa abbastanza, e insomma io oggi vi piazzo qui il mio racconto ''Un sorso di vita'' così lo potete leggere pure voi. Oltre al mio comunque, altri due amici blogger sono riusciti a farsi inserire in questo libro, e sono il sopracitato Riccardo Sartori e il prezzemolino Miki Moz.

E nulla, se vi piace, fatemelo sapere. Se non vi piace, uguale. Ma sappiate una cosa: ora, nel secondo caso, potete pure dargli fuoco nel vero senso della parola. Non è stupendo? :)

Se non ci vedete, cliccate che diventa più grande... credo.

P.s non si deve dare fuoco ai libri, stavo a scherzavo.

29 commenti:

  1. Normalità e mito che mischiano sul finale, figo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivendolo e avendo poche righe a disposizione ho proprio pensato di giocarmi tutto su un plot twist finale :) Sembra aver funzionato!

      Elimina
  2. Finale molto Lovecraftiano, bello il fatto che lascia molti spunti di riflessioni sulla natura del " mostro " marino. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pirkaf :) Un mostro esageratamente pieno di fascino quando sta fuori dall'acqua ;)

      Elimina
  3. Wao, sei stato pubblicato?? Grande !! :p

    Ahaha, a parte gli scherzi, complimenti.
    Sul racconto non dico niente, meglio il mio ... tié :p

    Love.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha un ubriacone contro un guardone? Ma vuoi mettere? ;)

      Elimina
  4. Ah, ma quindi sei te quello che ha scritto la pubblicità della custodia di un telefonino, o una roba simile?

    Sappi che il racconto ti è venuto molto, ma molto, meglio.
    Ecco. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, perché non riesco a capire di che telefonino tu stia parlando?
      Grazie comunque :)

      Elimina
    2. Ma meno male che non si capisce, mica volevo fare pubblicità io.
      :-D

      Guarda... in realtà manco io mi ricordo la marca, per dire quanto resta impressa come pubblicità ;-)
      So solo che c'è un tipo in spiaggia con una bella figliuola che poi si rivela essere una sirena, mi ripeterò... porta pazienza...ma meglio il tuo racconto.

      Elimina
    3. Non ricordo questo spot... qual era??

      Moz-

      Elimina
  5. Complimenti a te e a Moz! Anzi solo a te che questo è il tuo blog u,u E' sempre bello vedere pubblicato un proprio lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, prima volta che mi capita! Speriamo non l'ultima! Grazie Pier

      Elimina
    2. Ti rispondo lo stesso, Pier :p

      Moz-

      Elimina
  6. molto carino, giusta gradazione alcolica, si legge fluidamente :)
    ciao

    RispondiElimina
  7. Quindi lei è una sirena malefica che rapisce il protagonista?
    Complimenti! E' originale, coinvolgente...mi piace molto!Bravo!Poi è una bella soddisfazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è una bella soddisfazione! Eee in effetti ho pensato a una sirena scrivendolo, sì :)

      Elimina
  8. Complimenti! Il racconto è molto coinvolgente :)

    RispondiElimina
  9. Complimenti! Una bella soddisfazione :)

    RispondiElimina
  10. Intanto, complimenti!
    Poi: mi ricorda tanto il racconto 'Lighea' di Tomasi di Lampedusa. Lo lessi a 14 anni e mi piacque tanto che Lighea divento il mio primo nickname, quando mi affacciai al mondo virtuale.
    In ultimo: è scatènati o scatenàti? In effetti funziona con entrambe...
    ;)
    Ad majora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria ;) Mi hai messo curiosità sai??
      Comunque è scatenàti, avevo segnalato di aggiungere l'accento ma era troppo tardi credo. Poi sì suona bene pure nell'altro senso quindi amen :D

      Elimina
  11. Breve e intenso.
    Con un finale che non ti aspetti.
    Bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La brevità era necessaria, sono felice risulti intenso però :)

      Elimina

Vuoi parlarne? Lasciami un commento!
Ti piace quel che hai letto? Condividi sui social!
Non ti piace? Fa' come sopra! ;)