17/03/14

Starsi in culo da soli.

Come sapete al quando toglierò l'anonimo, il 25 marzozzone, manca poco. In questi giorni sto rivedendo tutto ciò che ho pubblicato nel blog dall'inizio alla fine. Una rottura di palle, devo dirvi la verità. Ci sono momenti in cui rileggo e mi diverto assai, alcune cose le avevo quasi rimosse, alcune battute le trovo brillanti. Sì, sto dicendo mi trovo simpatico da solo. Altri articoli però li leggo e... babba bia, che merda! 
La prima cosa che mi è saltata all'occhio è l'abitudine, ormai quasi del tutto sparita, di ''virgolettare'' le parole che non esistono. Ero ''piuttostamente'' precisino a quanto pare, eccessivamente preoccupato che voi non avreste capito che io, in realtà, scrivevo male apposta. Altro orrore che mi sono ritrovato sono le frasi sceme con precisazioni tra parentesi subito dopo la loro fine (anche qui con l'intento di specificare il tutto, di nuovo temendo che voi non poteste capirmi). La peggiore merda in cui mi sono imbattuto però, porcocaxxo, è l'autocensura del linguaggio scurrile: caxxo, son cose che ti turbano nel profondo, davvero. E non parliamo dei punti esclamativi! Non fatemene parlare! Mai! Per cartiàdiddio! Perché pure quelli erano ovunque!!! Ma vi giuro, una cosa assurda!!!!
Accoppati Cerv!
Tralasciando il fatto che certi post racchiudono in sé una sorta di pesantezza sintattica esasperante, pesante quasi quanto la pesantezza del discorso che ho iniziato con questa nuova frase, io mi chiedo se forse non sono io ad essere troppo pignolo. Infondo è proprio da quei bruttipost che mi sono fatto conoscere, e insomma, a giudicare dai commenti non è che erano poi così brutti! Auto criticarmi mi prende davvero male... 
Il punto è che mi da fastidio dovermi correggere, ancor più fastidio accorgermi di dovermi correggere, e quest'ultimo aspetto mi punzecchia soprattutto nei racconti. A rileggerli a distanza di tempo, spesso e volentieri, trovo delle brutture davvero raccapriccianti. Come diamine ho fatto a non notare quelle virgole tutte sballate, quell'aggettivazione che stremerebbe persino il catafratto e sibaritico Dipré, e quelle frasi uscite fuori da chissà quale mente deviata?! Se fanno schifo a me, come posso sperare possano piacere a voi? 

Passo a voi la questione quindi: vi è mai capitato di rileggere i vostri vecchi post e, nel caso, i vostri vecchi racconti e sentire l'impellente necessità di cambiarli? E vi 'è mai capitato di starvi in coolo da soli? Vi giuro, un paio di volte mi sarei pigliato a cinquine da solo...

Bacato: ''Guarda che anche ora sei parecchio insopportabile...''
Cervello: ''Tu stazzitto tu!''

47 commenti:

  1. è capitato e continua a capitare altroché, porco caxxo!!!!!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fanxxxo! Non guardiamoci più indietro allora! E lasciamoci la mxxxa alle spalle!

      Elimina
  2. credo capiti a tutti -.-'
    io per esempio sono molto insicura, quindi se rileggo cambio tutto...credimi! alcune volte non pubblicherei nemmeno mezzo post. Spesso scrivo di getto, anche i racconti e pubblico cosi, da incosciente, perchè se rileggo è la fine. Se poi rileggo dopo tanto tempo mi odio, mi prenderei da sola a calci nel sedere e mi strozzerei...
    p.s. io trovo sempre errori di battitura grrrr ODIO!!!!! "si" al post di "di" oppure "solo" che diventa oslo SNERVANTE CAXXO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh gli errori di battitura cerco di stroncarli sul nascere, almeno un paio di volte rileggo sempre prima di pubblicare. ''Oslo'' lo scrivo anch'io, ma il più gettonato e ''buoio'' al posto di ''buio'' :D

      Elimina
    2. io non li vedo se rileggo nell'immediato, me ne rendo conto solo dopo mesi, quando non ricordo più la cavolate che ho scritto... sono un disastro -.-'
      ahuahuahua anch'io scrivo spesso "buoio" ma il più gettonato dei mie e "qualle" invece di "quella"

      Elimina
    3. Beh chiaro, anch'io dopo mesi, difatti ora lo sto facendo solo per questa cosa del 25 marzo, altrimenti me ne fregherei, più o meno.
      Qualle ahahaha

      Elimina
    4. Daiii che senza gli errori da fretta non avresti la tessera. :-P

      Ok, meglio che saltello via.

      Elimina
    5. Una tessera che in pochi possono vantare!... Anzi, mi sa che è il contrario...

      Elimina
    6. Siete una ventina.
      Ma qualcuno sospetto che non sappia di essere un socio onorario. ;-)

      Devo essermi scordata di avvisarli dell'onore.

      Elimina
  3. Costantemente. Ogni tanto, infatti, faccio un lavoro di autocensura e cancello alcuni post di cui mi vergogno. Giuro! Però fa parte del processo di scrittura e di essere esseri umani: si cambia. Grazie a Gesù!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. M'è toccato anche a me cancellare dei post, è una cosa un po' brutta da fare. Nel mio caso però l'ho fatto perché troppo espliciti su altre persone, anche se non faccio mai nomi.
      Sì, fa parte del processo di scrittura e (spero) miglioramento quello di ritrovare errori. Ringraziamo Gesù! ;)

      Elimina
  4. Ricciolì, guarda che è normalissimo! Si chiama evoluzione. I primi post poi sono scritti da un totale digiuno del mondo del blogging, non sai come muoverti e non sai cosa fare. Ci sta. La consapevolezza si acquista man mano, ed è sempre in movimento, caxxo! :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, scrivevo totalmente a caso, anche perché non sapevo se qualcuno leggesse davvero o meno. Che guru del blogging che sei :D

      Elimina
    2. Guru e pure Illuminato, massone e satanista! :p

      Moz-

      Elimina
    3. Che vaffanculi che ti meriti :)

      Elimina
  5. Cervellino io sono una che inventa termini in continuazione, e sono talmente una ribelle, da non essermi mai presa la briga di virgolettare una beata fava...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molte cattive abitudini diciamo le ho perse leggendo gli altri. Quella di smettere di virgolettare è pure probabile l'abbia scopiazzata da te ;) Patalisss, la mia musa ispiratrice

      Elimina
  6. Eccomi! Il mio blog attuale (il secondo della mia vita) ha neanche quattro mesi di vita quindi per ora non cancellerei niente di quello che ho scritto.
    Il primo blog invece l'ho cancellato in blocco, un anno fa, con macabra soddisfazione.

    P.S. Forse perché son nuovo di qui, non mi è chiaro cosa debba succedere il 25/3.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brutale cancellare un blog intero...
      Beh, benvenuto da queste parti allora! :) Il 25 marzo, al secondo compleanno del blog, tolgo l'animato e quindi scriverò mettendoci proprio la faccia. Spero non sia troppo brutta da farvi scappare :D

      Elimina
    2. Era nato con il piede sbagliato e lo consideravo ormai irrecuperabile... una storia lunga. Secondo me è sempre un bene che la gente ci metta la propria faccia nel proprio blog...

      Elimina
    3. Capito!
      Per la faccia e il blog non lo so, quando farò anche questa nuova esperienza potrò tirare le somme. Al momento ho ben presente i grossi vantaggi e pure i limiti dell'anonimato ;)

      Elimina
  7. Io avevo la mania dei muri di testo (oddio, li ho ancora, se per questo :-D )senza grassetto, spazi e neanche lo straccio di un'immagine (quando poi la ricerca Google sulle Immagini era di gran lunga più generosa che quella attuale, quindi Doppio Fail, volendo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, i muri di testo fanno davvero fuggire i lettori, me compreso xD Alla fine meno si scrive e più e invitante il post, se invece si fa qualcosa di più sostanzioso è bene andare a capo spesso e spezzare il testo, magari mettendo l'immagine di qualche bella donna ignuda, che quella tira sempre :)
      Cavolo, era generosissimo google immagini una volta. Pensa che ho calato la metà delle visite. Mi pare fosse novembre 2012, da 8000 al mese sono calato a 4000. Crazy!

      Elimina
  8. Tutte le volte che mi capita di rileggere uno dei miei primi post mi viene voglia di risistemarlo e, soprattutto, di decorarlo un po', che sono dei muri di testo XD
    L'esempio lampate è il mio primissimo post: un giorno lo risistemerò XD

    RispondiElimina
  9. Come dice il Moz all'inizio non si sa nemmeno bene cosa conviene o non conviene fare. Poi bloggando s'impara :) ... e ci tocca correggere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io quando ho scoperto che tanto c'è modo di ripescare le cose che uno pensa siano state cancellate, non dai telefilm, ho deciso che lascio perdere le correzioni.

      Ok...il fatto che farei prima a cancellare il blog ha influito sulla decisione.

      Elimina
    2. E come si fa scusa? Se cancello un post posso ripescarlo volendo??

      Elimina
    3. Guarda io il come non lo ho capito, mi hanno solo segnalato un link dove c'era bello bello un post che per me era cancellato e invece stava lì, leggibile.

      Mi è bastato per pensare bene di non illudermi di poter davvero cancellare qualcosa.

      Elimina
    4. Sono le copie di cache dei motori di ricerca, che tengono in memoria anche del materiale cancellato. Dopo un po' di mesi spariscono da sole :D

      Elimina
    5. Acalia ne sa una più del diavolo! :D

      Elimina
    6. Dovrei recuperare un mio post del 1764, chissà se è possibile...

      Moz-

      Elimina
  10. La tentazione c'è di cambiare il già scritto, ma no, secondo me bisogna resistere e lasciare il mondo come si trova :)

    RispondiElimina
  11. Ahah anch'io attraverso delle fasi in cui mi trovo brillante, altre in cui mi trovo davvero idiota...

    25 is coming :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita è un pendolo che oscilla tra brillantezza e oscenità... era così il detto, no?

      Elimina
    2. Io preferisco che la vita è un brivido che vola via, ma va bene lo stesso :-)

      Elimina
    3. M'ha sempre messo un'ansia pazzesca quella...

      Elimina
  12. chissà, magari nel frattempo (tempo intercorso tra la stesura del post e la rilettura "postuma") sei cresciuto e hai capito come si scrive... fiGa!! (scusate il brescianismo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho capito e sono tentato di riscrivere stammerda! Figa, figurati ;)

      Elimina
  13. Certo che è capitato, guardando certi post ho detto "perché ho scritto questa cagata?". La cosa positiva è che non la scriverò più. Con la delusione di Gianni Morandi. No cagate no party

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah ma il re del trash non è legittimato a scrivere trashate? :)

      Elimina
  14. Non ti buttare giù.. ad esempio la tua intervista al Moz vale mille post di media blogosfera (me compreso).. sul fatto di rileggersi ed infilarsi due dita in gola non sempre è poi cosi vero... anzi.. spesso ripesco miei commenti scritti all'impronta che mi attizzano ancora un frego... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh beh non mi butto giù no, figuriamoci :) L'intervista a Moz l'ho riletta qualche settimana fa ed è spettacolare davvero.

      Elimina
  15. Eccome se mi capita e mi viene una gran voglia di cancellare, specificare, barrare, neutralizzare, eliminare, poi vorrei far dimenticare alcune cose o foto ... però mi lego le mani, mi neutralizzo e sconfiggo questo desiderio che m'assale, non voglio cambiare nulla al massimo rinnovo con altri post, quella ero, quello ho scritto, quello rimane.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto combattuta come cosa insomma... oh, non è che è tutto rose e fiori il blogging ;) cancellare le cose vecchie comunque sia dispiace sempre

      Elimina
  16. Sempre, continuamente, quello verso me stesso è un odio interminabile.
    E non è una bella cosa, vi avviso. Non è essere troppo severi con sé stessi, non è essere troppo autocritici, no. Uno dei miei docenti sostiene questa cosa, che mi accingo a riportare:

    "Quando rileggete quello che avete scritto, e avete l'impressione di aver scritto una cagata, beh: molto probabilmente è davvero una cagata."

    Bacini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non fa troppi giri di parole il tuo prof.., almeno abbiamo la certezza di eliminare cagate dai! E volendo, di essere migliorati, forse... spero...

      Elimina

Vuoi parlarne? Lasciami un commento!
Ti piace quel che hai letto? Condividi sui social!
Non ti piace? Fa' come sopra! ;)