28/03/14

La grande bellezza: diamo alle tette il valore che meritano!

La grande bellezza è un bel film ma non m'è piaciuto. La grande bellezza sono le tette di una ragazzina.

Ne ho sentito parlare tantissimo perché ha vinto l'Oscar, perché è l'orgoglio dell'Italia nostra, perché l'hanno trasmesso su canale 5 in prima tv assoluta e ommioddio ve lo dovete vedere perché è una cosa che guarda proprio io ci sono rimasto e bellissimoooooo. Dopo tutti questi perché l'ho visto, in ritardo rispetto al mondo, pure io. E? E mi son detto: ma facciamo finta che i perché di cui sopra non ci siano, che tutto questo sgallinare non esista, ecco, facciamo finta; tu Cervello, cosa ne penseresti de La grande bellezza se non ci fossero tutti questi perché che ti fanno partire prevenuto e ti condizionano il giudizio?
Penserei... che è triste.

Jep Gambardella è il re delle feste, uno scrittore che ha scritto un solo romanzo, un intellettuale, uno che vive nella Roma della gente che conta, della Roma chic, quella dell'arte e dello spettacolo. Lo conosciamo alla festa dei suoi 65 anni, una cosa enorme in cui il meglio del meglio da il meglio di sé in pista, tra alcool, droga e musica. Ed è proprio qui che notiamo la prima delle espressioni tra il cinico e lo svogliato che Jep ci riserva: lui in questi posti ci vede il niente.
E' del niente infatti che parla La grande bellezza, un intero film che parla del vuoto e della frivolezza, del blablabla superficiale in cui questi riccastri si crogiolano per dare un valore aggiunto alla propria vita. L'arte è in particolare la passione comune che lega tutti loro: il piacere per i grandi della letteratura che vengono puntualmente citati a casaccio, per le esibizioni esagerate e tanto grottesche da risultare soltanto ridicole, ma accompagnate da uno scroscio d'applausi, perché l'arte non è che si deve per forza capire, bisogna sentirla, o no? No, un gran par di cazzi, ci dice Jep Gambardella proprio intervistando una che per l'arte quasi si spacca la testa, una che lo fa perché sente le vibrazioni. E che cosa sono queste vibrazioni?, chiede Jep all'artista complessata, e questa non sa rispondere, non ne è proprio capace, e gli mostra tutta la sua superficialità, la sua studiata e complessa finzione. 
Col niente Jep si scontra per tutta la vita, e ne è parte di quel niente pur essendone vittima. Anche lui è pura immagine e apparenza, un personaggio costruito per compiacere gli altri, per adattarsi allo stile di vita che gli altri si aspettano da lui, per conquistarli tutti, per essere non quello che viene invitato alle feste, ma quello col ''potere di rovinare le feste''.
Ci si muove sempre nel nulla quindi, per tutta la pellicola, per tutto il tempo. Una camminata in questo stralcio di vita di Jep, che pure lui cammina, complice lo sconforto per la notizia della morte della sua storica fidanzatina. Ed è la struttura stessa del film a sembrare una camminata. Noiosa se si vuol dire la verità, lenta, che non sa bene dove vuole andare a finire. Perché è proprio questo uno degli aspetti di queste vite che ci vengono mostrate, si lasciano vivere senza un vero senso, senza qualcosa di profondo. E tu spettatore, sei lì che ti chiedi dove diavolo si voglia andare a parare, cosa succederà dopo, qual è il senso di tutto questo e dove cazzo sta questa grande bellezza.

La grande bellezza la si vede in tutto ciò che contiene questi disgraziati portatori sani di stupidità. La si vede in Roma, nell'arte vera rimasta immutata nel tempo che, silenziosa e pure lei schifata (c'è un bel gioco d'ombre in una certa scena che rende l'idea), è segregata a lontano ricordo, a sfondo immobile che fa da spettatore allo spettacolo vuoto dei suoi abitanti. La grande bellezza è quella che forse tutti vorrebbero trovare, ma non ci riescono, perché si sono persi e lasciati trasportare, distrarre dal niente.
E non sono solo questi aspiranti artisti, scrittori, pittori e imbrattatori di muri a rappresentare il nulla, ma sono anche gli esponenti della Chiesa. Suore al botulino, sacerdoti ai ristoranti che la povertà non sanno nemmeno cosa sia, preti chef che la spiritualità l'hanno lasciata sotto le scarpe e che rimbambiti dalla mondanità dimostrano di non capir nulla del posto in cui vivono (l'Italia ha davvero bisogno di scrittori! ci dice uno di questi). Anche loro puntualmente intrappolati nel vortice dell'apparenza. Emblematica, davvero, la scena in cui l'unica persona di chiesa, ovvero un'anzianissima suora considerata Santa, viene lasciata immobile in mezzo al giardino nell'attesa che ogni gruppo religioso si possa fare la foto con lei. Un circo!

La grande bellezza, più di tutto questo, sono le tette, come dicevo all'inizio. Non guardatemi male, vi prego, sono serio eh! Sono le tette di una ragazzina, della fidanzatina di Jep, ora scomparsa dopo più di quarant'anni. Jep ha un ricordo speciale per lei, per quel momento con lei, e lo notiamo ogni volta che lui si stende a letto e, solo, osserva il soffitto vedendo il mare. Si ricorda di quando era un ragazzo, in vacanza sull'isola del Giglio, di quella sera in cui la ragazza che l'ha fulminato, poco più grande di lui, gli sta di fronte, in una notte splendida sotto al faro. E si stanno per baciare, ma lei si sposta, fa due passi indietro...
La grande bellezza è un ragazzo con una cotta, e una voglia curiosa e mostruosa che è pura libido, e che finalmente viene soddisfatta. La grande bellezza è la volgarità sincera con cui questa ragazza si mostra a questo ragazzo. Non frivola, ma piena di significato, perché infondo è di questi momenti inaspettati, voluti e veri che la vita prende valore. Valore che il mondo della pura immagine e dell'arte vuota che non è arte, invece, tenta stupidamente di emulare.
Questo c'è di triste ne La grande bellezza. Che parla anche di noi, perché non sono solo quei cacasoldi della Roma bene ad essere così. Non ci credete? Non siete d'accordo? Uscite la sera, guardatevi intorno, guardatevi allo specchio. Poi fatevi un selfie e scrivete uno stato profondo, magari su quanto questo film vi faccia cacare e non meriti l'Oscar.