28/02/14

Concorso di scrittura, febbraioli festeggiamenti, Bukowski e tette citazioniste.

Buongiorno regazzi!
Di che voglio parlarvi oggi?
Intanto vi segnalo un concorso di scrittura ideato dal buon Salomon Xeno, che dal blog Argonauta Xeno anche quest'anno ci offre la possibilità di partecipare al 3 Narratori, stavolta ''rinnovato'' e con un sottotitolo piuttosto intrigante che vi invito ad approfondire seguendo il bando del concorso al link. 3 Narratori- il libro delle ombre sono sicuro stuzzicherà più di qualcuno di voi. Io parteciperò come feci l'anno scorso (scrivendo 'The will of the gods'), sto solo aspettando mi venga una buona idea. Sì, aspetta e spera. La data di scadenza è per il 12 maggio, correte!
''Nessun individuo può sfuggire alla propria ombra''

Poi volevo dirvi che, uhmm...
Questo fine settimana c'è stata una quadrupla festicciola di compleanno. Avendo amici febbraioli come me (febbraio si chiama così proprio per il fatto che ci sono alte probabilità di prendere la febbre, e se non lo sapevate documentatevi, ignoranti!) s'è colta l'occasione per augurare buoni ventiehmehm anni a tutti quanti. Come regalo sapete che m'è arrivato? Una magnifica, splendida, profumata e soprattutto utilissima... schiuma da barbara! Nello specifico: una schiuma da barbara per uso frequente. Davvero, utilissima, grazie, stronzi! :)
Ve ne parlerò con qualche fotonica in allegato più avanti, vedrete.

Martedì sono stato a Verona con un'amica, shopping di libri. Libri universitari. Che gioia leggere i libri di studio. Però ho letto pure un libricino di racconti di Bukowski. Sapete, ho le bacheche intasate da ragazze con le tette al vento (cosa che non disdegno affatto), tette citazioniste per esser precisi, quelle che con le citazioni di zio Charles ci vanno a braccetto per dare l'aria intellettuale. A me le tette piacciono pure normali, poi fate voi. Ero in biblioteca pochi giorni fa comunque, e ho visto il libro di zio e me lo son pigliato. Ho pensato a quanto possa essere magnetica la sua maniera di scrivere, perché parla di cose semplici e quotidiane ma lo fa in un modo così affascinante che ti ci restano incollati gli occhi. ''Confessioni di un codardo'' era, un libro pieno di sbronzi e bar.

Ho perso il kindle. Non lo trovo più, sul serio. Dove cazzo l'ho messo? Perché perdo tutto? Perché sono disordinato! Poche persone hanno potuto vedere la mia stanza al suo stato naturale, quello quasi quotidiano per intenderci, e queste poche ne sono rimaste giustamente sconvolte. Sono un porco di natura. Non amo il casino ma la pigrizia mi violenta puntualmente. Violenta pure la mia stanza di conseguenza. Rimedi a tutto ciò? Donne, venite a trovarmi. (questo blog sta diventando peggio di Uomini e donne della defilippa, c'è da preoccuparsi...)

Sto ascoltando Stromae, quello che canta in francese, quello diventato famoso un paio d'anni fa con Alors on dance. Uhm, mi fa schifetto. Ma fin che spotify va tu lascialo andare. Lo lascio andare allora. Ora stendo i panni che sembra stia venendo la prima, vera, primavera. Lo dicono pure i prati davanti casa e quindi c'è da crederci. A meno che i prati davanti casa mia non si siano tutti rincoglioniti scacazzando fiori in ogni dove.
Allora ciao!!! Vi saluto coi tre punti esclamativi perché sento il bisogno d'urlare. Il motivo? Una nonnasordata nuova nuova che vi posterò presto. Qui le nonnasordate storiche. Allora ciao allora!!!

25 commenti:

  1. Nooo, un minuto di silenzio per il Kindle.
    Il disordine è il MALE :-D

    RispondiElimina
  2. Segnalo il Premio Letterario Nazionale Bukowski per opere inedite www.premiobukowski.it

    RispondiElimina
  3. noooo povero Kindle!
    Ma posso dirti una cosa? Meglio così. preferisco la carta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ritrovato! Il problema del kindle è che se sei in un bosco e devi pulirti il sedere non puoi farlo, mentre se leggi libri di carta ti pulisci più facilmente ;)

      Elimina
  4. Come hai perso il kindle? Non puoi perdere il kindle! Guarda se mi offri il pranzo vengo io a sistemarti la camera. Davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho messa a posto e l'ho ritrovato :D Era dietro i libri! Il pranzo in caso te lo offro comunque dai ;)

      Elimina
    2. Meno male! Che ansia, povero kindle!
      E grazie :)

      Elimina
  5. Che tu abbia perso il kindle è un segno del cielo.
    Leggi Bukowski dal vivo e non su quelle cazzate :)
    Quanto al concorso, stavolta credo sia troppo fantastico per i miei gusti.

    "Bukowski, guarda qua, sette-otto, gira nel mio cerchio!"

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro l'ho preso in biblioteca, quindi l'ho letto su carta :P E comunque sia uso entrambi. Non sapevo fossi dello schieramento odoratori di carta...

      Elimina
    2. Che tu abbia perso il kindle è un segno del cielo.

      Perché non devi per forza legarti al signor Amazon.
      Viva i Kobo. E il mio Pyrus morbidoso.
      Ecco ù.ù

      Elimina
    3. Eh in verità non c'avevo pensato quando l'ho comprato. Comunque sia mi metto dentro anche libri non provenienti da Amazoz... ;)

      Elimina
  6. L'eterno riposo dona al Kindle, signore, eccetera eccetera. Se proprio dovevo perderlo, non potevi regalarlo a uno di noi? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho ritrovato :P tutti bisognosi di un kindle qua?! :)

      Elimina
  7. Il concorso mi ispira sai... Comunque, Bukowski avevo provato a leggerlo anche io ma dopo tre righe mi son rotta... Dici che dovrei riprovare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, di suo ho letto pochissimo, questo era molto molto scorrevole ;) Sarà che erano tutti racconti brevi non saprei...

      Elimina
  8. Buon ventiehmehm, giovincello. Mi fai quasi invidia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ventiehmehm anni in effetti arrivano una sola volta ;)

      Elimina
  9. Non ti ci vedo a leggere Bukowski, Cervy! :)
    (le tette migliori le conquisti coi sorrisi gentili)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A perchémmai?
      Comunque mi piace, proverò a testare e poi ti faccio sapere se in questi giorni i sorrisi gentili funzionano.

      Elimina
  10. Hai ragione, Bukowski ha la capacità di analizzare e sviscerare la realtà utilizzando parole ed immagini semplici a volte quasi sudicie, arrivando poi a sputarti in faccia particolari che a molti rimarrebbero celati.
    Se vuoi continuare a conoscerlo è obbligatorio leggere il suo capolavoro "Storie di ordinaria follia", anche le poesie sono molto belle, sono emblematiche perché sono ossute, spigolose, quasi coriacee.
    Spero di non aver esagerato è che è il mio scrittore preferito e quindi mi sono sentito quasi in dovere di dirti ciò che penso lo renda un grandissimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo leggerò senz'altro ;) Intanto sto aspettando arrivi panino al prosciutto che in biblioteca non ce l'avevano mannaggia la miseria! :D

      Elimina

Vuoi parlarne? Lasciami un commento!
Ti piace quel che hai letto? Condividi sui social!
Non ti piace? Fa' come sopra! ;)