15/01/14

Refresh: Guida pratica su come prendere storte con classe!

Il mio tallone da killer? Le DISTORSIONI ALLA CAVIGLIA!  E non parlo di semplici stortarelle del cavolo, ma di vere e proprie istigatrici alle più squallide e bieche imprecazioni controddio e tutti gli angeli del cielo, un po' come quelle del  caro Renato di gf Ungheria, solo che a lui mica lo capivano.
Non ne conosco il motivo (sarà per problemi di quilibbrio... naaa!) ma fin da quando ero un pischello prendevo di quelle batoste da far paura. Ecco quindi una piccola guida (con suggerimenti pratici che sicuramente apprezzerete e proverete tutti) intitolata ''Come prendere delle Storte con Classe'':

  1. Correndo a massima velocità lungo una discesa.

Dovete sapere che  avevo ben pensato (ero piccolino lo giuro, ora sono una persona matura!) che se in una strada senza pendenza correvo veloce, sarei sicuramente diventato un razzo in una inclinata. Ecco quindi il PiccoloCervelloBacato che parte convinto di sfondare il muro del suono ma finisce disgraziatamente per sfondare la sua caviglia nel momento in cui le gambe non reggono più l'alta velocità raggiunta...Yeah!
Note: il metodo è consigliato anche per sbucciature di ginocchia, mani e gomiti. Gusto a assicurato e niente fastidio nel masticare, che la buccia, sapete, ecco, grandissimo humor...

     2.  Cercando di fare il karateka provetto capriolandomi in aria.

Eh che posso dire, Dragonball ha sempre avuto una certa influenza su di me, onde per cui all'età di 9 o 10 anni mi iscrissi a Karate. Per riscaldarci prima dell'allenamento c'erano degli enormi materassoni davanti cui erano posti dei trampolini. Scopo dell'esercizio era: corri verso il trampolino, saltaci sopra, fai una capriola in aria e cerca di atterrare in piedi per poi tirare un calcio. Io eseguii l'esercizio con: corsa verso il trampolino, salto sul trampolino, capriola in aria (e intanto nella mia testa malata sentivo che il potere di Goku era con me) e atterraggio rigorosamente su caviglia sinistra... Ahi!
Note: Goku, non guardarmi...

     3. Facendo uno splendido ballo di gruppo davanti ad un pubblico che ti guarda preoccupato.

Quinta elementare, si era ad un concorso (non ricordo che scopo avesse) di balli di gruppo. C'erano varie scuole a contendersi l'ambito premio (ambito premio? quale ambito premio? che sto dicendo?!) riunite in un qualche palazzetto dello sport. Eccomi entrare sorridente assieme ai miei compagni di classe. La maestra mette la musica, noi saltiamo e piroettiamo felici e contenti a ritmo di musica e a me... manca il fiato... Sticazzi che storta!!!
La maestra mi vide barcollare verso di lei mentre tentavo di parlare ma senza far uscire alcun suono: bei ricordi! Questa (anche se le altre erano più rocambolesche) è alla seconda posizione fra le più dolorose. Giuro che non respiravo quasi più dal dolore e se le altre distorsioni se n'erano andate con qualche giorno di fasciature, questa ci mise mezzo secolo ad andar via.


    4. Eseguendo una volè alla Nadal (sì, Nadal non mi piace e non sa fare le volè quindi ci sta tutta questa!) durante una partita di tennis.
Ahi ahi Caramba!

Questa è accaduta pochi anni fa, la ricordo come fosse ieri: palla corta dell'avversario, corro verso rete e prendo la pallina in tempo prima che faccia il secondo rimbalzo a terra, il maledetto tira una bomba alla mia destra ed io non posso far altro che allungarmi stile Rufy per prenderla al volo e (dovrei smetterla di fare similitudini coi cartoni animati)...
Ora, io non ho idea di quale assurdo movimento avessi compiuto, sta di fatto che mi ritrovai con: racchetta stretta in mano ma che toccava col piatto corde il campo e piede che si era ''storzellato'' addosso a quest'ultimo... top 1 nella classifica dolore e due mesi di doccia (una specie di gessatura) più: fasciatura in zinco, stampelle, punturine per la circolazione sanguigna della gamba e riabilitazione per riprendermi del tutto!... Ne vado molto fiero!

È tutto, ecco, e detto ciò spero vivamente di avervi ispirato un po' di sano autolesionismo, quindi esercitatevi e fatemi sapere se ci sono risultati interessanti.
Cassate a parte comunque, il vostro ''Tallone da Killer'' qual'è? Se vi va (va o và?), fatemi sapere commentando qui sotto!


P.s Comunque lo so che vi ho fatto restare sulle spine quindi ve lo dico: il punto a tennis ero riuscito a farlo! ;)
...
Ok, non fregava a nessuno...




20 commenti:

  1. Ahaha, ma io questo post me lo ricordo :)
    Mi sa che lo commentai anche!
    Una volta, per correre ad accendere la luce (!) presi una storta micidiale, mi si gonfiò tutto il piede, dovevo stare con le scarpette estive in inverno...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai buona memoria :) Questo è uno dei primi post che ho scritto, e dato che mi dispiace abbandonare la roba vecchia la sistemo un po' e la ripubblico con l'etichetta refreshhhhh

      Elimina
    2. Bell'inverno fresco comunque! ;)

      Elimina
  2. Io invece non l'avevo ancora letto! Molto divertente... :D ma pooovero Cervy!
    Io sono campionessa di scivolate e inciampi...a volte anche con rincorsa...con conseguenti gessi o punti. Ho anche una storta + gesso..solo che scrivere tutto in un commento è un casino. Se (e dico SE) ci faccio un post ti cito sicuro! ;)

    RispondiElimina
  3. Evviva... il mio modo di romperti la caviglia non ce l'hai!
    Ebbene si .. io mi sono rotta la cavilgia tre volte ( sono una che deve farle spesso certe cazzate!) la prima volta banalmnete giocando a tennis...
    La seconda , e qui c'è un non so che di magico... sull'altalena...
    Guarda che non è facile rompersi una caviglia sull'altalena... ma sai com'è.. se uno scende al volo e non è dotato di senso dell'equilibrio inciampare è un attimo...
    e la terza volta... QUELLA DI CUI VADO MAGGIORMENTE FIERA ....
    CADENDO DALLE SCARPE....
    Esatto... una caduta laterale dai tacchi di 10 cm mi ha creato la frattura della cartilagine...
    Non era facile ma io ce l'ho fatta!

    RispondiElimina
  4. Io mi inchino a te *-* Mia sensei!!! Sei avanti anni luce rispetto a me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le cazzate sono imbattibile... mi son ferita in ogni modo possibile... arrivo persino a grattugiarmi le dita quando faccio la spremuta...

      Elimina
    2. Visto :) anche tu, come la signorina qui sotto sei una miracolata xD

      Elimina
  5. Io più che distorsioni alla caviglia ho il mignoletto del piede cretino. Ogni volta che sono scalza il mio mignoletto che centra perfettamente ogni angolo di qualsiasi cosa.
    Ha un mira infallibile! :-)

    RispondiElimina
  6. Mi viene male solo a guardarla quell'immagine!
    Io ho grossi problemi di equilibrio perché son goffa, distratta e inciampo ovunque ma fortuna vuole che le distorsioni mi girino alla larga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male, fa male anche a provarla oltre che a guardarla :)

      Elimina
  7. ...ciò che è accaduto a Silvia è ciò che mi augura simpaticamente mio padre ogni qual volta mi vede uscire di casa su tacchi vertiginosi...
    io sono stata una ballerina, ed ho le caviglie dal diametro di un polso, ergo mi si scaesano [tipico modo bresciano di rendere lo stortarsi di caviglia...]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il famoso collo del piede? Che cavolo di sfiga pata ! :/

      Elimina
  8. Cercando di prendere un autobus che si sarebbe tranquillamente fermato, scivolando sul bordo dell'isola al centro della strada

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah con gli autobus non si sa mai come va a finire. Maledette isole pIedonali... magari quelli dentro al bus t'han pure visto? :)

      Elimina
  9. le scale!!! buon dio, non hai citato le scale!!!!! al primo posto nella mia personale classifica dei luoghi-in-cui-farsi-molto-molto-male

    RispondiElimina

Vuoi parlarne? Lasciami un commento!
Ti piace quel che hai letto? Condividi sui social!
Non ti piace? Fa' come sopra! ;)