02/09/13

Questione di culo, di idromele di mele e miele. Spiegatemelo!

N.B
2.15 inizio a scrivere il post.
2.32 il post è terminato.

Il venerdì sera eravamo finiti in questa festa celtica, coi gruppi che suonavano, con le bancarelle, il buio e le lucette e tutte quelle cose che a me sapete mi fanno tanto girare la testa e fare ''ohhh woww'' come fossi ancora un pischello. 
Allora si va a comprare da bere in uno di questi stand, che alcuni dei tizi con cui ero c'erano già stati altri anni a questo festival celtico, e loro perciò sapevano che la cosa da fare era una e soltanto una: comprare da bere pigliando qualche bicchierino?! Macché! Compriamoci le bottiglie direttamente no?
E allora via, verso nuovi orizzonti. Una di idromele e una di sidro di mele. Cosa cambia poi tra l'una e l'altra? La prima, ho scoperto, è una specie di grappa fatta col miele, dolcissima e buonissima, la seconda è una bevanda più leggera molto dissetante e fatta con le mele, che ha un sapore decisamente più amarognolo, specie se la butti giù dopo avidi sorsoni mielensi della prima. Io preferivo l'idromele, sapete, ho bisogno di dolcezza <3

Ma arriviamo al punto. Compriamo le bottiglie e il tipo ce le stappa dicendo ''Se fate canestro coi tappi delle bottiglie in quel vaso, in omaggio avrete un bicchiere in più di una cosa speciale che vi facciamo noi!''
Che bello, mi armo di tappo, prendo la mira, tiro... Canestro! Che culo!!! Nella vita ci vuole culo, ho un bel culo, ho fatto canestro, evviva me, ora la smettogiuro.
Ci prova il mio amico a tirare il secondo tappo ma nulla, finisce per incastrarsi nelle vicinanze del vaso ma con un barbatrucco incredibile convinciamo il tipo che anche il secondo tappo era a canestro... Che culo, un'altra volta! Altro bicchiere... Inutile dire che i magici intrugli vinti non erano granché ma vabè, ciò che è gratis è sempre buono...

Arriviamo al secondo punto. Alla mia amica arriva fame, perché a una certa ora la fame c'è, e quindi l'accompagno a prendere un panino. E nulla, camminando dietro di lei notavo come tutti i maschi, di qualsiasi età, razza (le razze non esistono), religione, le guardassero il culo, alcuni pure salutandola allegramente aiutati dal livello d'alcolismo in corpo. Eccheculo insomma, pure lei.. Potenzialmente, se avesse voluto, avrebbe potuto conoscere un numero abbastanzevole di persone dell'altro sesso. 

Ora, perché non capita lo stesso a me, e allargando il concetto, a noi maschi?! Il succo del discorso è che il fattore culo è ben diverso tenendo conto dei sessi. Il culo nostro è fortuna, il culo vostro è... Culo vero e proprio, e non basta sia solo culo, ma possono essere pure un paio di bocce o due occhi grandi o un sorriso o il solo fatto di esser donna.. Quindi il culo in questione, quello femminile, è pure mutaformevole... Insomma... Cioè...

Capito? E' tarda notte e io un discorso logico non sono in grado di sostenerlo, ma, giacché voi siete miei fedelissimi seguitori e mi conoscete, sono sicurissimo abbiate capito dove voglio andare a parare. Vero?! Quindi per prima cosa spiegatemi cosa volevo comunicarvi, e secondo ditemi come la pensate. Io, nel mentre, dormo... Anche se quando leggerete sarò sveglio! Ah ah ah... Risate sguaiate!
Il fatto certo, se vogliamo trovare davvero davvero un senso a tutto, è che non devo più scrivere per il blog a notte fonda. Giurate che non lo farò più, giuratelo!!!