12/09/13

Per sconfiggere il male, serviti del male stesso! La filosofia di vita di un 7/8enne.

Tra gli innumerevoli sport praticati in gioventù dal vostro caro Cervello, ovvero pattinaggio (si si, lo so), calcio, ginnastica, karate, basket, salto sul divano, zapping, climbing e infine tennis, non posso non ricordare con un moto di terrore il periodo in cui era il nuoto ad occupare il mio momento sport della giornata.

Immagini di repertorio: Cerv a 8 anni che nuota.
Io non è che disprezzo l'acqua, anzi. Starei sempre in acqua, che sia piscina, che sia mare, che siano terme, che sia la vasca da bagno con una bella donzella ignuda e tutta la schiuma che ci circonda. Il punto è che data la giovane età e la poca esperienza non ero a quel tempo ancora pratico del galleggiamento. Anzi, non è proprio così la storia. Io sapevo pure galleggiare, anche immergermi. Il punto è che la mia psiche si sentiva solida e indistruttibile fintantoché si restava nella piscina con l'acqua bassa. E giustamente insomma, era il corso per i pischelli principiantissimi, si DOVEVA stare in quelle piscine basse. Ma quindi, ove stava il problema?
Pare una fatalità a dirvelo così, lo so, soprattutto per voi lettori che ormai mi conoscete, ma che ci posso fare? Il problema era lì: nella merda! Si, avete capito bene. E' la cacca ad entrare in scena, ancora e ancora. Pare quasi che il piccolo dirigibile marrone senza pilota né timone sia sempre stato (ed è tuttora) protagonista dei momenti chiave della mia esistenza. 

L'aneddoto:
Facevamo ciacchete ciacchete nell'acqua, con la maestra e gli altri bambini, tutti felici e contenti. A me piaceva nuotare, piaceva l'ambiente là dentro. Già allora ricordo questo piccolo e insano sentore che mi portava a provare attrazione per le donzelle in costume, e io ci provavo eh, ci provavo spudoratamente conquistando morosette alla modica cifra etarile di anni otto, pure meno. Ma si parlava della merda, giusto. Non tergiversiamo...
Avevo imparato, all'inizio dell'ora e mezza di nuoto, che dovevo stare davanti alla fila mentre si andava in vasca, così da poter capire se quel giorno potevo vivere o se dovevo morire. Quando appariva una merda marroncina sul fondo della piscina ad acqua bassa, la mia fottutissima piscina!!!, ecco che la risposta arrivava tragica: dovevo morire!

''Dai ragazzi, oggi si sta nell'acqua alta perché qualcuno prima di voi ha lasciato un regalino nell'acqua bassa!'' diceva la maestra.
Avessi avuto la conoscenza delle bestemmie giuro che le avrei usate, lo giuro!
Io, dell'acqua alta, avevo paura!!!

Quindi decisi, in una delle ultime lezioni di nuoto della mia vita, con uno slancio Zen che mai ci si potrebbe aspettare da un bimbino di 7/8 anni, di attuare una filosofia di vita che potrebbe salvarvi il culo nelle situazioni più disparate:
Per sconfiggere il male, serviti del male stesso!!!... Ovvero, tradotto in parole più semplici: Per sconfiggere la merda, serviti della merda stessa, quindi, ancora più semplicemente, defeca pure tu!

Mi sono avvicnato al bordo della piscina acqua alta, mi sono voltato fissando maestra e compagni, ho abbassato il costumino e... Ho cagato! Blof! 
''Ecco maestra, ora pure in questa piscina c'è la sorpresina, non possiamo nuotare da nessuna parte oggi!''
Dopo l'esultanza decisi di dedicarmi forevah al tennis <3

Nooo ok ok, stoppate le vostre grida scandalizzate e abbassate i vostri indici accusatori. Non è andata davveramente così, posso spiegare. La filosofia base era sempre quella che v'ho detto poc'anzi, davvero, ma l'ho utilizzata in modo molto meno volgare.
''Maestra, posso andare un attimo in bagno? Mi scappa...''
''Certo Cervello.'' rispose lei, ''Ma fai in fretta!''.


Rimasi al cesso per un'ora e mezza, finché il padre del mio amico non venne a cercarmi alla toilette perché si doveva andare a casa. 
Cervello ce l'aveva fatta, aveva sconfitto una giornata terribile, una giornata di merda, usando la sua stessa merda! Vai così Cerv!

31 commenti:

  1. Ma da bambino eri terribile (:D) e geniale allo stesso tempo. Credo che al posto tuo semplicemente me ne sarei stato a bordo piscina a snobbare amici e maestre: "Brutti babbani voi nuotate pure, io vi maledico da quassù".

    Comunque, interessante il salto sul divano. Ma c'è anche alle Olimpiadi, vè?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo non ero terribili anzi, ero piuttosto tranquillo. Come ora a dir la verità :)
      Il salto su divano non c'è alle olimpiadi, altrimenti qualche medaglia l'avrei già portata a casa di sicuro :)

      Elimina
  2. Noooo quasi ci speravo che l'avessi davvero fatta nella piscina grande xD
    Io invece ho il terribile ricordo di un bimbo che aveva vomitato in piscina e toglievano i residui di vomito con il retino >.<"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccheschifo! Quella del vomito l'ho saltata fortunatamente :)

      Elimina
  3. C'era del talento già a quell'età! Però mia cugina, quando io avevo 4 anni e lei 2, mi ci cagò sul serio nella piscina! Nel mia piscina rosa a forma di barchetta che tenevo in giardino da nonna! C'è anche una foto che testimonia il fattaccio! Lei soddisfatta e io che piango! Cioè, era la mia piscina adorata! Mi ci ha cagato dentro! Uno scempio! Glielo rinfaccio tutt'ora ;)
    Comunque quella piscina è andata persa. Un pò come tutta l'infanzia che ho passato in quella casa.
    Quel briciolo che ne rimaneva, era mia nonna. Ma se n'è andata anche lei. Sarà un anno che non metto piede in quella casa. Quando ci passo davanti in macchina e leggo "vendesi" sulla facciata, mi si stringe lo stomaco.
    Ma non tergiversiamo, che poi mi metto a piangere sul blog di Cervello e non è cosa da farsi!
    Mitico come sempre!

    RispondiElimina
  4. Dio ti prego... io amo la piscina, ora sono terrorizzato da ogni possibile stronzo che potrebbe esserci :p
    Figurato e non!

    Hai fatto anche karate? Wao!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa se beccassi il re degli stronzi, ovvero quello che ti prende la testa, ti tiene sott'acqua e poi caga! Sbamm!
      Si anche karate, ma solo fino a cintura verde :)

      Elimina
    2. Io il kung fu, fino a cintura verde (smisi il giorno stesso in cui avrei dovuto prendere la blu!).
      Sai che adesso devi postare una tua foto col karateji? :p

      Moz-

      Elimina
    3. Karateji? cioè? Kimono forse intendi? NOn so se ho foto vecchie comunque.. Forse in una videocassetta ho qualche video mentre faccio i katà :)

      Elimina
    4. Ahaha! Ma spaccavi tutto? Eri Karate Ki-- emh, Brain?

      Moz-

      Elimina
    5. Non eri bravo? ma quanti anni avevi?

      Moz-

      Elimina
    6. Si dai, ma solo tecnica facevo, figurati.. Ottima tecnica ma ecco, poi ho mollato perché mi annoiava

      Elimina
  5. Sottoscrivo il pensiero di Miki: che schifo gli stronzi che cagano in piscina!
    Per fortuna io anche da piccola andavo nel corso degli adulti, così se i bambini del turno prima facevano quAlcosa.. Chiudevano la piscina.

    RispondiElimina
  6. Ecco, però posso dire che se davvero l'avessi fatta nella piscina come avevi scritto ti avrei amato ancora di più? Bello e terribile! :)
    Però dai, ci piaci anche così, chiuso nel cesso per un'ora e mezza per saltare l'ora della piscina...un piccolo genio in erba :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello e terribile... Ahh come mi sento affascinante :D

      Elimina
    2. Cerve' ma tu lo sei, affascinante! ;-)

      Elimina
    3. Ti svelerò un segreto: la foto che mi ritrae mentre faccio nuoto, beh, non sono veramente io ;)
      xD

      Elimina
  7. nella mia infanzia non ci sono state piscine, ma solo il salatissimo jonio, che scende a strapiombo a due metri dalla riva, per cui ho imparato a galleggiare che avrò avuto due/tre anni... ciò detto, ricordo con orrore quando, nei dintorni di ferragosto, noi virgulti e anche i grandicelli galleggiavamo beati "insieme" a un tragico dirigibile marrò proveniente da chissà dove... argh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anc'io imparai al mare a nuotare come si deve, scendeva a strapiombo in quel di calabria :D
      Si beh, nei giorni di calca c'è sempre un po' di sporcizia purtroppo. Io ricordo un assorbente... Bleah

      Elimina
  8. chi di m.... ferisce....

    Astuto direi, io così dribblavo le ore di educazione fisica a scuola, un ora alla toilette insieme alla mia compagna di banco storica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ore passate in spogliatoio a cazzeggiare, tranne quando si faceva qualche sport decente :) Facevi bene !

      Elimina
  9. Seguirò questo blog per sempre! \(*__*)/
    Però sappi che non commenterò spesso... ma solo perché ho problemi con blogspot e smartphone!

    RispondiElimina
  10. Nooooo e io che ti stavo già stimando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ci volevo più coraggio per fare la cacata in vasca direttamente :D

      Elimina
  11. Ma sei tremendo sei!! La psicologia inversa ti spiccia casa ahahaha

    RispondiElimina

Vuoi parlarne? Lasciami un commento!
Ti piace quel che hai letto? Condividi sui social!
Non ti piace? Fa' come sopra! ;)