28/11/12

Ti rendi conto che stai per dire delle assurdità che la gente non capirà?! (se vi fermate non arriverete alla fine!)


Beh, da un lato potrei rendermene conto davvero, in quanto la domanda iniziale l'ho fatta io, ma sono pronto a sostenere anche il contrario. In quest'ultimo caso però, riconosco una certa difficoltà nel farlo. Non è facile parlare di nulla pur scrivendo parole e continuando in questo quantomai insulso procedimento logico. Sempre che qualcosa di logico ci sia in tutto ciò! E' che rendersi realmente conto di se stessi non sempre è semplice. Magari serve solitudine, e quindi privazione di sensi, come in quelle stanze particolari in cui ti tolgono i suoni e tu impazzisci dopo 5 minuti, avete presente? Che poi non è che ti esploda il cervello lì dentro eh, altrimenti gli addetti alle pulizie farebbero davvero un lavoro schifoso, e questo non sarebbe carino nonostante la paga. Voi sapete questi poveracci quanto prendono?! Nel contratto ce l'hanno scritto che nel loro compito di pulitura ci si potrebbe imbattere in resti umani dovuti a pazzia momentanea e ad auto esplosione che probabilmente non esiste nemmeno nella scienza moderna? Vabè, mica è la scienza ad inventarsi gli eventi, quindi chissà, potrebbe pure accadere qualcosa di simile, no? Insomma in questi episodi come reagirebbero sapendo che c'hanno lasciato le penne altre persone! E cos'è? Adesso le persone hanno le penne? No ma che sto dicendo!? Penne per scrivere magari, quelle si, ma è difficile che tali individui dal cervello esploso avessero tutti appresso delle penne per scrivere. C'è chi se le tiene nel taschino per averle pronte per ogni evenienza certo, ma al giorno d'oggi, con l'avanzare della tecnologia e dei telefoni touch, non credo proprio sia facile incappare in questi personaggi. Volete mettere la comodità di aprire l'app delle note nel vostro Iphone e muovere le dita tozze per comporre caratteri.?! Comodo! Come dice la pubblicità c'è un app per ogni cosa. Pure per le stronzate! ''Pure per creare post come questi'', magari vi verrebbe da aggiungere. Ma so che siete personcine gentili voi che leggete, e mai mi direste brutte cose, vero? Potrei reagire male e scoppiare in pianti isterici, o tremiti ossessivi, da non confondere con ''termiti'' perché qui basta invertire due lettere per cambiare tutto. Possibile mai insomma che delle offese mi facciano fuoriuscire termiti da chissà dove?! Bleh! Farebbe ribrezzo solo a pensarci. Senza il condizionale (e spero di aver azzeccato il tempo), fa!, fa ribrezzo solo a pensarci! E qui, in chiusura, spero di non aver dimenticato accenti e apostrofi nel ''fa'' altrimenti additabile come nota musicale. 


E questo è quanto! Assurdità non ne ho detta nemmeno una! Sono compiaciuto da me stesso. La mia sanità mentale è sana. O avrei detto la mia ''insanità'' altrimenti. Battuta triste questa... Ma se me ne rendo conto c'è speranza per la mia anima, e quindi per una nuova era in cui Leoni e Iene lavoreranno insieme per costruire un grande e glorioso futuro!

20 commenti:

  1. Io non riesco a leggere questo post senza pensare a... beh, lo sai :) Comunque l'ultima citazione l'ho presa e la cuoro un sacco ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah tutto diverso adesso! ;) Appparte che 'sto post è proprio scemo, poco da fare! xD

      Elimina
  2. Stai cercando di impiantare un touch screen sul cervello?o.O XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente! Ma non è semplice perché quando apro il cranio entra aria e fa un po' di dolore.. Brutta sensazione insomma... xD

      Elimina
  3. Anche se il tuo titolo può sembrare un paradosso, ebbene, a volte si può parlare per ore senza dire niente, ma c'è una differenza tra il parlare e il dire. A riguardo c'è una citazione che afferma: gli sciocchi parlano perché hanno da dire qualcosa, gli uomini saggi parlano perché hanno qualcosa da dire. Questa differenza è insita nella radice di ogni lingua. Puoi anche scrivere senza dire nulla, ma queste tue parole sulla pagina possono assumere un significativo (oppure no ... a piacere!! :-)

    Un'antica leggenda greca racconta che Sisifo visse e morì proprio come tutti gli umani, solamente che quando arrivò agli inferi, chiese e ottenne di essere rimandato nel mondo reale con la scusa di dover compiere una missione urgente. Ma Sisifo decise che gli piaceva la vita, e così non fece più ritorno negli inferi come promesso. Alla fine, gli dei si arrabbiarono e lo punirono. Come punizione, per aver osato "fregare" gli dei con una "furbata", fu condannato a spingere in salita un grosso masso verso una collina. Una volta raggiunta la vetta, il masso rotolava a valle e Sisifo doveva riportarlo di nuovo in cima alla montagna. Il masso ruzzolava giù un'altra volta e Sisifo di nuovo a spingere su ... all'infinito.

    Ecco, ciò fa capire che si è in grado di parlare, parlare senza dire niente. Tanta attività, ma risultato zero. Come l'inutilità della nostra esistenza. Siamo tutti dei Sisifo: Nasciamo; andiamo a scuola; con l'istruzione ricevuta otteniamo un lavoro; il lavoro ci permette degli agi, di avere una famiglia. Ci riproduciamo e ... ricomincia la storia dell'uomo ... Cervé, cu 'e cerevella jie stongo cchiù 'nguajato e te!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una risposta 'sìttanto ben fatta non mi era mai capitata :D Sisifo è il mio nuovo idolo! E comunque si, sono abbastanza cosciente di aver scritto senza dir nulla xD Però devo dire che suvvia, l'ultima frase, ''Siamo tutti dei Sisifo: Nasciamo...'' è un po' pessimista, nonostante pure io abbia fatto lo stesso pensiero molte volte! Meglio prendere tutto più con leggerezza no? :)
      Concordo con cervello 'nguajato! Stamm'appost tutt'e doj' (napoletano scritto improvvisato perché non ne sono capace xD )

      Elimina
  4. Adoro questi post!

    RispondiElimina
  5. Come non hai detto neppure un'assurdità? Io ho letto tutto il post pensando che tu stessi scrivendo un'intera assurdità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nuoo! Ma se è tutto chiarissimo! xD Un discorso più sensato di questo quando mai lo trovi?! :)

      Elimina
  6. Beh, ora è tutto molto più chiaro. Grazie per avermi schiarito le idee! XD
    Il Moro

    RispondiElimina
  7. Il finale è preso da "Il re Leone", o sbaglio?
    Per il resto mi sono un po' persa, ma i ragionamenti illogicamente logici o logicamente illogici sono sempre molto interessanti da seguire!

    RispondiElimina
  8. Ma che poi in quelle stanze di privazione di senso, non ti esplode il cervello, ma hai le allucinazioni, che praticamente sono delle lucine sugli alluci, così dopo ti possono appendere sull'albero di natale, a testa in giù, mi raccomando.

    Ahm, ma le penne? Come sono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello però 'sta cosa degli alberi di natale :) Adesso che siamo in periodo poi! Comunque sono penne blu di solito, anche se il nero è preferito perché più elegante. Oh, mica le faccio io le regole no? xD

      Elimina
    2. Appunto! sai che belle tutte quelle allucine? chissà se poi attirano le farfalle...
      Ah, sempre meglio il nero, e per cortesia, niente penne a gel, finisco sempre per macchiarmi tutta la mano :(

      Elimina
    3. Si sono fastidiose quelle a gel, e non te lo puoi nemmeno mettere nei capelli per sistemarteli come vorresti. Che pacco di penne... Da fare al ragù però mica male!

      Elimina
  9. Ma tu sei un genio, te ne rendi conto? Che mica è facile scrivere così, a cazzo, per sì tanto tempo! Dai, la settimana prossima ci troviamo. Dimmi tu il giorno, poi in privato decideremo dove e come.

    RispondiElimina

Vuoi parlarne? Lasciami un commento!
Ti piace quel che hai letto? Condividi sui social!
Non ti piace? Fa' come sopra! ;)