03/03/16

5 cose sui blog che forse ancora ignorate

Lo so, lo so. Non si dovrebbe usare la parola cosa così a vanvera, me lo diceva sempre la prof di italiano. E' troppo generica e vuol dire tutto e niente. Ma in effetti è proprio di tutto e niente che parlerà questo post. Oggi vi elencherò infatti 5 elementi del blogging che per me (e alcuni di voi) sono assolutamente ovvi ma per molti, specie tra i lettori occasionali, rimangono punti più che oscuri.
Pronti con la carrellata? Gentile regia, grazie...

1 Aprire un blog è gratis
Non di rado mi avete chiesto quanto ho pagato per aprire il mio blog. Domanda molto divertente ma un pochino assurda. Non solo è gratis costruire il proprio blog, e questo lo si può fare attraverso siti che offrono piattaforme predefinite e facilmente modificabili come blogger, wordpress o altervista, ma anzi è possibile guadagnare denaro e prestigio utilizzandolo nella giusta maniera. Certo ora non aspettatevi un secondo elenco perché non vi spiegherò qui i metodi per farlo, altrimenti non finiremmo più e di sicuro conoscendone solo alcuni non sarei la persona più adatta a dar consigli.

2 Chiunque può commentare all'interno di un blog
Altro dubbio colto dal pubblico è: ma io che non ho un blog posso commentare nel tuo blog? Ma certo che sì! Nel box dei commenti è possibile inserire il proprio intervento sia che siate blogger, sia che possediate soltanto un profilo G+ (quasi tutti ormai ne hanno uno), sia che non lo abbiate e vogliate rimanere utenti anonimi non utilizzando alcun profilo registrato. Basta scegliere l'opzione più allettante direttamente lì sotto. 

3 Condivisione e Mi Piace sono più che gesti di apprezzamento
Se aprire un blog è facile, farsi leggere non lo è altrettanto. Esistono migliaia di blog e siti internet, e in questo mare sterminato non si è che minuscole goccioline d'acqua. La condivisione e il semplice Mi Piace da parte del lettore non solo contribuiscono alla diffusione del blog e al suo emergere un po' da questo mare (oppure stagno?), ma danno anche gratificazione a me che (al di là del commento) posso notare il vostro passaggio da queste parti.

4 Di voi sappiamo chi legge, cosa legge, quando legge e se/quanto legge
Il dove non ci è dato saperlo quindi state tranquilli, potete pure rimanere seduti comodi sulla tazza. Uno degli aspetti interessanti di chi possiede un blog comunque, è che tramite le statistiche può analizzare un mucchio di dati. Si può conoscere il numero di persone che approdano al sito e la loro provenienza geografica (a grandi linee), è possibile notare quali articoli vengono letti, in che momenti della giornata e soprattutto quanti ne vengono letti. Un buon modo insomma per avere un feedback rispetto al lavoro che il blogger sta compiendo.

5 Non richiede tempo
O meglio, ne richiede ma non eccessivamente. O meglio ancora: se hai una passione (e il blog dovrebbe racchiudere ed essere specchio delle proprie passioni) il tempo per lei lo si trova sempre e comunque, al di là di tutto. Sì, pure se il tuo lavoro è fare lo scafista tra coste africane e italiane. Non sei d'accordo? Allora chiediti per quale diavolo di motivo stai vivendo. 
Comunque, sempre a proposito di passioni, i blog possono essere di qualsiasi tipologia e quindi in grado di assecondare tutti i gusti summer love. Ricordate che non è il blog in sé a dover parlare, ma siete voi attraverso il blog come strumento a dargli una direzione piuttosto che un'altra. Cinema, diario personale, moda, salute, cucina, sport? Vale tutto!

Ai lettori abituali e ai colleghi blogger so che questi potrebbero sembrare approfondimenti banali, ma sono certo che a molti altri potrebbero invece accendere una piccola lampadina chiarificatrice in testa. Spero dunque di esservi stato utile. Ciao cervelli, alla prossima!

30 commenti:

  1. Hai fatto bene a sottolineare queste cose. Per i "non addetti ai lavori" questa piattaforma fa paura, ma poi quando ci stai dentro è facile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati che quando sono stato al liceo una professoressa è rimasta stupita dal fatto che chiunque potesse aprire un blog e che fosse gratis o.O A quanto pare certe cose non sono così scontate.

      Elimina
  2. Ciao Davide!Come va?Sono Federica,ricordi?Una delle partecipanti al corso di Riccardo. Volevo chiederti se puoi per favore gentilmente spiegarmi come hai fatto a inserire i gadget,se vuoi dà un'occhiatina al mio blog :federicarossato.blogspot.it .Mi piacerebbe (e sarei felicissima)se potessi darmi qualche consiglio. Grazie! Sempre se vuoi(e se puoi).Complimenti per il tuo,mi piace come lo hai rinnovato,molto bello,bravo!A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica, certo che mi ricordo! Eheh il merito è di Cyberluke ;)
      Comunque ora vengo a spiegarti in chat che qui non finiamo più sennò.

      Elimina
  3. All'inizio queste cose mi sarebbero state molto utili, ora conosco quasi tutto, ma un bella rinfrescata fa piacere...ora utilissimo per chi vuole intraprendere questo viaggio nella Blogosfera ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, in effetti l'articolo è pensato molto più per chi è all'inizio o chi semplicemente è lettore abituale. E' sempre così difficile trovare commenti dal pubblico ''silenzioso'' dei non blogger :)

      Elimina
  4. Beh, non sono d'accordissimo sul "non richiede tempo"... È vero che dovrebbe essere un piacere trovare del tempo dedicare al proprio blog, ma quando si hanno tante altre cose da fare non sempre è facile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No infatti, è abbastanza provocatoria come affermazione. Ne richiede ed è giusto trovarlo se si tratta di passioni (e dovrebbe venire automatico). Se non si dedica un minimo di tempo a quel che ci piace fare non è un granché la vita. Qui ovviamente parlo di blog, ma il discorso vale molto in generale.

      Elimina
  5. Mi ritrovo spesso a dover rispondere al punto 2 e 5. Molto gente non ha proprio la manualità del mezzo, e molti altri pensano che gestire un blog sia questo dispendio di ore su ore. Certo, non è facile, ma piuttosto che andare ad un concerto, per esempio, mi dedico al blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sono problemi comuni a tutti mi sa. E anche qui, sotto a questo post, per ora sono blogger a commentare. E si che le statistiche parlano chiaro: persone che arrivano da facebook sono tante ma...

      Elimina
  6. aiuto!!! che impressione la nuova grafica...non è vero :)) è carinissima, anche il tuo cervello...solo che non ho capito la cosa del ridere, spiegare prego :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che puoi ridere libera e felice qui dentro tanto non ti sente nessuno ;)

      Elimina
  7. se uno vuole mettendo un widget di rilevatori di statistiche tipo Shinystat o Histats può anche riuscire a capire con buona approssimazione da dove arriva chi ti legge (poi dipende molto dai database degli i.p., se sono aggiornati, ecc...)

    PS: molti blog di successo hanno dietro intere redazioni ormai... il tempo ci vuole !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Shinystat lo uso, sì sì, e ha veramente tantissimi dati. Però... è un piccolo blog "personale" questo, quindi sticazzi. ;)

      Elimina
  8. Stavo per scrivere che ci vuole molto tempo, ma te l'hanno già detto in molti perciò non infierisco. Anche perché ti stai rivolgendo a chi ha appena iniziato a scrivere un blog, non puoi mica terrorizzarlo no? ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CervelloBacato, il terrorista della blogosfera! Muahaha...
      Sì è provocatorio quel punto ;) Tempo sicuramente ce ne vuole, ma non bisogna negarselo a priori.

      Elimina
  9. Ed è proprio da questi buoni consigli che inizia una strada, la quale,si spera, porterà in alto :D Soprattutto perché hai fatto bene a sottolineare che il blogger è prima di tutto una passione, complimenti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu a quanto pare stai procedendo bene vedo :D Daje!!!

      Elimina
  10. ogni tanto le banalità vanno ricordate... anche e sopratutto per chi inizia l'approccio ai blog!

    RispondiElimina
  11. O per chi proprio non ce l'ha :)

    RispondiElimina
  12. Indicazioni utili per chi si vuole buttare in un'avventura bella come il blog :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema purtroppo è che la rete dei blog non è ben collegata agli altri social e non è ''famosa'' quanto youtube. :/ Pochi arrivano persino a un post come questo, per quanto utile.

      Elimina
  13. Avere un blog significa, anche, farsi un mucchio di risate con le parole di ricerca.
    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, quella mi è sfuggita! Ho fatto diversi articoli intitolati ''Chiavi di ricerca bacate'' con tutte le cose più assurde che ho trovato xD

      Elimina
  14. La voglia di postare un link è fortissima.
    Ma farò la brava ed eviterò.
    ^_^
    Buona settimana.

    Il mio di blog sta in pausa per poco, ma ha retto con tre post al mese lo scorso anno.
    Nel senso che i miei quattro lettori li tengo ancora, quindi visto che per quest'anno ne ho già scritti 29 di post... penso che possa reggere un po' di silenzio. :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Super organizzata :) Io tutto sempre a caso invece ;)
      Buona settimana

      Elimina
  15. In effetti, a chi ha un blog sembrano puntualizzazioni banali ma confermo che hai risposto alle domande che anche io mi sento rivolgere più di frequente, quando viene fuori che scrivo un blog (comunque con scarsissima visibilità).
    Lieta di essere approdata qui, comunque!

    RispondiElimina
  16. Ogni tanto un po' di chiarezza serve, soprattutto a chi i blog li ha sempre visti da lontano o con diffidenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sto facendo comunque sempre più l'idea che finché ci sono tremila oiattwforme per blog non ci sarà mai possibilità di creare una community reale come avviene per fb o youtube. Community che preveda lettori non blogger. :/ Specificare ok, ma non so a che pro l'ho fatto mi viene da dire.

      Elimina

Vuoi parlarne? Lasciami un commento!
Ti piace quel che hai letto? Condividi sui social!
Non ti piace? Fa' come sopra! ;)